Cosa si può acquistare grazie a un piccolo prestito veloce

Indice dei contenuti

I piccoli prestiti veloci sono formule di finanziamento che rientrano nella categoria dei prestiti personali. Con la somma che si ottiene è quindi possibile compiere qualsiasi tipo di spesa, finalizzata alla rilevazione di beni o servizi. Si caratterizzano per svolgersi mediante una procedura meno complessa del solito. Inoltre si differenziano dalla maggior parte delle formule di finanziamento per erogare il capitale entro un periodo limitato, che spesso non supera i due giorni dal momento in cui avviene la richiesta. Si rivolgono a coloro che si trovano nella scomoda situazione di dover sostenere una spesa urgente, a cui non possibile rinunciare. Ma allo stesso tempo non godono di una condizione finanziaria che glielo permetta. A proposito dell’entità della cifra cui si può ambire, si ritrova compresa tra un minimo di mille ed un massimo di cinquemila euro. Questi limiti tuttavia possono variare, a seconda dell’ente creditizio che si prende in esame.

  • Ulteriori differenziazioni a livello procedurale, in relazione a determinate scelte perseguite dagli enti finanziatori, si riscontrano nella richiesta delle garanzie. In quanto possono risultare più o meno stringenti. Alcuni istituti di credito si pongono in maniera estremamente elastica, a tal punto da consentire la presentazione di redditi diversi da quelli provenienti da un contratto di lavoro. Altri invece seguono la linea tradizionale, secondo cui è necessario percepire uno stipendio regolare al fine di poter essere legittimato a ricevere una somma di danaro in prestito. Anche il Tan e il Taeg differiscono in base a determinate scelte economiche adottate dagli enti finanziatori.

I requisiti per ottenere un piccolo prestito veloce

A prescindere dalla politica creditizia che ciascun ente creditizio persegue e dalla conseguente diversa prospettiva nella gestione di una domanda di prestito, esistono una serie di requisiti universali, richiesti da qualsiasi istituto finanziatore, indispensabili perché qualcuno si possa considerare pienamente legittimato a ricevere un finanziamento. Prima di tutto è necessario essere maggiorenni e non avere un’età superiore a settantacinque anni, sebbene molti enti creditizi spostino questo limite fino ad ottant’anni. Nonché occorre avere la residenza nel territorio italiano ed essere titolari di un conto corrente. In secondo luogo è necessario avere un contratto di lavoro, possibilmente solido e non atipico. I lavoratori dipendenti debbono quindi fornire le ultime buste paga, mentre gli autonomi o i liberi professionisti sono obbligati ad esibire la certificazione unica, attraverso cui rilevare le entrate da lavoro. I pensionati infine debbono fornire il cedolino della pensione.

Come si è accennato precedentemente diversi enti creditizi ammettono come garanzia il percepimento di redditi diversi da quelli da lavoro. Ci si riferisce in particolare a quei guadagni derivanti da un canone di affitto su un immobile, su cui tuttavia è indispensabile avere la titolarità. Oppure a quel genere di ricavi che scaturiscono dalla gestione di un’attività di affittacamere o di agriturismo. Alla stessa maniera si ricomprendono i guadagni conseguiti da lavori svolti in maniera del tutto occasionale. Ma siccome si coinvolgono cifre ridotte, gli enti creditizi, nel caso ci fossero le condizioni, sarebbero disposti a comportarsi in maniera meno rigida in occasione della richiesta di garanzie.

L’ottenimento di un piccolo prestito veloce senza reddito

Qualora non si ricevesse alcun reddito da lavoro e neanche un tipo di ricavo diverso, sarebbe necessario fornire ulteriori garanzie all’ente finanziatore coinvolto. Altrimenti non sarebbe possibile ambire a ricevere un prestito, neanche un piccolo finanziamento veloce. La possibilità più diffusa, in condizioni del genere, è quella di nominare un terzo garante. Il quale avrebbe l’onere di formalizzare la sua partecipazione nel contratto di prestito, obbligandosi ad estinguere il debito qualora il garantito non si trovasse più nelle condizioni di affrontare il piano di rimborso. Anch’egli per ricoprire un ruolo del genere sarebbe tenuto a fornire una serie di documentazioni, in grado di rappresentare la sua idoneità dal punto di vista patrimoniale e reddituale. Le verifiche compiute nei suo confronti si dovrebbero poi rivolgere a valutare il merito creditizio.

  • Si ricorda che il fideiussore non può svolgere la medesima funzione in altri finanziamenti nello stesso periodo. Un’altra possibilità è rappresenta dalla presentazione di garanzie reali. Che consistono in particolar modo nella concessione in pegno di un bene di titolarità propria, il cui valore ovviamente deve risultare adeguato. Oppure è possibile ricorrere al prestito cambializzato, che comporta la sottoscrizione di cambiali da parte del beneficiario, in occasione del pagamento di ciascuna rata facente parte del piano di ammortamento. Infine esistono i piccoli prestiti veloci per gli studenti. Che si caratterizzano per avvenire senza l’obbligo di fornire delle garanzie di alcun genere. Si tratta di formule derivanti da una collaborazione diretta fra atenei e istituti di credito, concepite in maniera esclusiva per coloro che frequentano dei corsi accademici. I finanziamenti tuttavia si ritengono finalizzati soltanto all’acquisto di tutto ciò che risulta inerente alla vita universitaria dello studente.

Cos’è possibile acquistare con un piccolo prestito veloce?

Le tipologie di prestito in esame fanno parte dei prestiti personali, che si caratterizzano per lasciare ogni tipo di libertà nell’utilizzo della somma che si riceve in prestito. Quindi nel momento in cui si inoltra la domanda non si deve in alcun modo giustificare la richiesta. Di solito il bisogno scaturisce a seguito di un evento inaspettato. Che può riguardare la propria salute, comportando la nascita di una esigenza impellente, individuabile nella ricerca nell’immediato dei medicinali che servono. Oppure per affrontare delle spese inderogabili, come potrebbero essere quelle rappresentate dalle bollette, da una retta universitaria oppure dall’assicurazione del proprio mezzo di trasporto. Ma è possibile che si necessiti di soldi in maniera urgente anche per procedere alla sostituzione di un elettrodomestico rotto, senza però avere sufficiente liquidità. La cui presenza all’interno della casa si ritiene indispensabile.

Le motivazioni alla base dell’esigenza di un prestito di questo tipo sono davvero numerose. A seconda della politica creditizia inseguita da ciascun ente finanziatore è possibile riscontrare delle differenze in relazione all’entità massima richiedibile. Come si è descritto all’esordio l’importo erogabile di solito si trova compreso tra mille e cinquemila euro. Ma esistono diversi enti finanziatori che si mostrano disposti a concedere fino a trentamila euro, a patto ovviamente di ricevere delle garanzie adeguate. Si tratta dunque di cifre che possono risultare significative, con cui è possibile realizzare anche acquisti impegnativi.

Suggerimenti utili

A proposito del piano di rimborso, in generale è concessa la possibilità al cliente di scegliere la tempistica più congeniale. Ovviamente più si allungano i tempi maggiori sono gli interessi da sostenere in occasione del piano di rimborso. In ogni caso l’entità del Tan e del Taeg cambiano a seconda dell’ente creditizio che si prende in esame. Dunque nel mercato creditizio è possibile trovare strumenti più o meno convenienti. Allo scopo di scegliere la soluzione di prestito più congeniale, si ritiene fondamentale compiere una breve indagine, frequentando dei siti specializzati, dove si ha l’opportunità di consultare una serie di comparazioni fra strumenti finanziari della medesima natura, concepiti da differenti istituti di crediti. Oppure è possibile visionare direttamente i portali telematici di riferimento degli istituti di credito.

  • In questa maniera si ha l’occasione di valutare le diverse possibilità e conoscere anche i titoli richiesti per conseguire appieno la legittimità ad intraprendere un determinato iter di richiesta di finanziamento. E’ possibile anche compiere l’intera procedura online e ridurre al minimo le tempistiche per l’ottenimento della cifra richiesta.