Come richiedere un piccolo prestito veloce per casalinghe: documenti, condizioni, info

32

Indice dei contenuti

Come abbiamo avuto modo di constatare nelle nostre precedenti guide, le casalinghe sono una delle categorie che trova maggiori difficoltà nell’acquisire un prestito da una finanziaria o una banca. Come abbiamo visto nella nostra scorsa guida, mentre i privati raramente concedono prestiti alle casalinghe, le banche e le finanziarie sono disposte ad elargire dei piccoli prestiti veloci anche a questa categoria di persone che molto raramente può offrire delle solide garanzie. In particolare, come abbiamo visto già in altre guide, i prestiti a cui possono accedere le casalinghe non sono delle offerte create apposta per la categoria di persone di cui stiamo trattando, sono piuttosto dei servizi che vengono offerti a coloro che possono offrire poche garanzie ma hanno una storia creditizia positiva. Se siete interessati a richiedere un piccolo prestito veloce per casalinghe, continuate a leggere, perchè nella guida di oggi parleremo di tutto ciò che potrebbe servire per richiedere un piccolo prestito veloce per casalinghe. Analizzeremo i documenti, le condizioni e le garanzie richieste dalle compagnie creditrici, vedremo numerose informazioni utili e arriveremo a conoscere tutto ciò che c’è da sapere riguardo la richiesta di piccoli prestiti veloci per casalinghe.

Piccoli prestiti veloci per casalinghe: facili da ottenere?

Le categorie di persone che non hanno molte garanzie da offrire alle compagnie spesso trovano molte difficoltà nella richiesta di un prestito. Per venire incontro alle difficoltà di queste particolari tipologie di utenti, le banche e le finanziarie hanno iniziato a stipulare dei contratti per dei prestiti che richiedono pochissime garanzie, se non nessuna. La domanda che potrebbe sorgere spontanea a molti utenti, questo punto, potrebbe essere: quanto sono difficili da ottenere i prestiti per casalinghe?

La risposta alla domanda che ci siamo appena posti è “dipende”. In alcuni casi i prestiti per casalinghe sono molto semplici da ottenere: le compagnie offrono servizi con moltissime facilitazioni e innumerevoli agevolazioni, fino ad arrivare a non richiedere alcun tipo di garanzia in cambio del prestito. 

Tuttavia quanto detto nel paragrafo precedente non si applica sempre e occorre avere una buona dose di fortuna per poter accedere ad un prestito del genere, semplicemente perchè non sempre è disponibile. Quando sono disponibili prestiti più “normali”, nella grande maggioranza dei casi, sono richieste delle garanzie molto semplici da offrire: le vedremo nella prossima sezione della guida.

Per ricapitolare: spesso è molto semplice ottenere un prestito veloce per casalinghe, tuttavia in alcuni casi potrebbe essere ancora più semplice. Sicuramente è una tipologia di prestito che richiede meno garanzie rispetto a qualsiasi altro tipo di servizio.

Le garanzie richieste dalle compagnie

Le banche e le finanziarie richiedono le garanzie per assicurarsi che il cliente possa saldare il debito. Nel caso dei prestiti più importanti per privati le garanzie possono essere: un reddito fisso, immobili, oggetti di valore e così via. Nel caso delle casalinghe, tuttavia, non sono molte le garanzie che possono essere offerte perché questo tipo di lavoro non comporta una retribuzione fissa mensile. 

La garanzia che la maggior parte delle volte viene richiesta ad una casalinga è la firma di un garante. Vediamo che cos’è un garante, qual è il suo scopo e cosa comporta la sua presenza.

Un garante è un terzo attore, che viene inserito nel contratto del prestito, il cui compito è quello di assicurarsi che il pagamento delle rate avvenga sempre in modo puntuale. Questo, all’atto pratico, cosa significa? Significa che il garante dovrà pagare le rate nel caso in cui l’utente debitore non sia in grado di farlo. Il garante, una volta posta la firma al contratto, è tenuto a rispettare le responsabilità che si è preso e può incorrere in sanzioni anche molto gravi.

L’esistenza del garante, dal punto di vista delle compagnie, comporta che il denaro, in un modo o nell’altro, tornerà nelle casse con i dovuti interessi. Dal punto di vista di una casalinga, invece, significa poter acquisire più facilmente il prestito grazie alla firma di un parente, amico o persona fidata. Ovviamente va sottolineato che non sempre le persone sono disposte a firmare un contratto come garanti, perché, in ogni caso, è un’assunzione di responsabilità non indifferente.

Nel caso in cui un garante non sia disponibile ottenere il prestito senza un reddito fisso potrebbe risultare problematico. Alcune garanzie che si possono offrire, alternativamente, sono proprietà e oggetti di valore, i quali vengono usati per saldare le rate in caso di insolvenza. Ovviamente una scelta sconsigliata ma comunque possibile.

I prerequisiti per accedere ad un piccolo prestito veloce

Le casalinghe per avere accesso ad un piccolo prestito veloce devono soddisfare alcuni prerequisiti. Questo tipo di requisiti sono presenti in qualsiasi tipo di servizio o contratto per i prestiti e quindi sono molto semplici da soddisfare, vediamoli insieme.

Per prima cosa il richiedente deve essere una persona fisica realmente esistente. Questo prerequisito può sembrare ovvio ma viene sottolineato sempre per evitare che vengano richiesti prestiti a nome di persone inesistenti.

In secondo luogo il richiedente deve avere tra i diciotto e i settantacinque anni di età. Ovviamente essere maggiorenne è un prerequisito della firma di pressoché qualsiasi contratto, mentre l’età massima è dovuta al semplice fatto che le compagnie vogliono evitare che il richiedente muoia prima di saldare il debito.

Esistono anche altri tipi di requisiti che però dipendono dall’agenzia e dal tipo di contratto che si stipula.

I documenti richiesti da finanziarie e banche

Le banche e le finanziarie richiedono dei documenti per poter firmare il contratto di un prestito di qualsiasi somma di denaro. Come per la sezione precedente, questo tipo di richiesta si applica a quasi tutti i tipi di prestito, per cui sono molto semplici da procurare e consegnare.

I documenti richiesti sono tutti quelli necessari a provare l’identità della persona: carta d’identità valida, codice fiscale e così via. Inoltre potrebbe essere necessario, per accedere ai prestiti “facilitati” per utenti senza reddito, consegnare una denuncia dei redditi completa oppure un calcolo dell’ISEE.

Anche in questo caso, in base alla compagnia di riferimento, possono svilupparsi eventualità diverse in cui vengono richiesti diversi documenti.

Nel caso in cui venisse negato il prestito

Nei casi in cui il prestito venisse negato ci sono alcune azioni che si possono compiere per facilitare l’accettazione.

Per prima cosa è consigliabile scegliere cifre minime, dai mille ai tremila euro, altrimenti le banche o le finanziarie non concederanno il prestito ad un utente senza reddito. In secondo luogo consigliamo di aumentare il numero di rate in modo da renderle meno gravose economicamente e, quindi, più facili da saldare. In questo caso le compagnie saranno doppiamente interessate a fornire il prestito perchè avranno una sicurezza maggiore per quanto riguarda il saldo e avranno guadagni maggiori grazie agli interessi.

Detto questo possiamo ritenere conclusa la nostra guida contenente tutto quello che c’è da sapere riguardo la richiesta dei piccoli prestiti veloci per casalinghe. Speriamo che la nostra guida possa tornarvi utile per accedere al prestito che vi aiuti a realizzare i vostri sogni. Vi ricordiamo, inoltre, che il nostro blog è specializzato sull’argomento dei piccoli prestiti veloci per cui, se dovessero servirvi altre informazioni, non esitate a sfogliarne le pagine! Vi ringraziamo per l’attenzione e il tempo che avete dedicato alla lettura della nostra guida odierna e ci auguriamo di rivedervi presto.