Chi può richiedere un piccolo prestito veloce per autonomi: info

Indice dei contenuti

Sei il tuo datore di lavoro senza essere una azienda e hai bisogno di soldi in modo urgente? Non sai se soddisfi le caratteristiche per richiedere un piccolo prestito veloce per autonomi? Se vuoi risolvere i tuoi dubbi, continua a leggere perché in questo articolo troverai tutte le informazioni necessarie.

Chi può richiedere un piccolo prestito veloce per autonomi?

Questa tipologia di finanziamento è destinata a chiunque sia un lavoratore non dipendente. A volte anche per chi lavora per società, o azienda SAS e SNC. Cioè, se sei un artigiano, un artista, un libero professionista di qualsiasi tipo, una ditta individuale, hai la partita IVA e insomma, sei un lavoratore autonomo potrai accedere a piccoli prestiti veloci creati appositamente per te.

La caratteristica peculiare dei lavoratori autonomi è quella di non avere la garanzia di una busta paga. Le entità finanziarie daranno sempre maggior valore a una persona con un reddito mensile garantito. Un lavoratore autonomo può guadagnare molto bene un mese ma non avere entrate il prossimo, per esempio. Questo, invece, non si verifica con i lavoratori a tempo determinato come i dipendenti pubblici o con i pensionati. Per questo esiste una tipologia di finanziamento pensata e creata appositamente per i lavoratori autonomi.

Ma ciò che non differenzia questa categoria di lavoratori dal resto dei mortali è la puntuale necessità di ottenere denaro il prima possibile. Ed è per questo che sono stati creati piccoli prestiti veloci per liberi professionisti! E devo dire che stanno diventando più diffusi, più convenienti e più veloci. Vediamo perché…

Caratteristiche di un piccolo prestito veloce per autonomi

Come suggerisce il nome, è un tipo di finanziamento davvero veloce. Al massimo dovrai aspettare due giorni per avere i soldi. Anche se a volte dovrai solo aspettare qualche minuto. Sì, sì, come hai sentito è possibile ottenere un piccolo prestito in pochi minuti.

E anche come dice il nome, non potrai richiedere somme di denaro eccessivamente elevate. Anche se in realtà le somme di denaro non sono così piccole. Molti istituti di credito possono offrirti fino a 60.000 euro. Ma la media si aggira intorno ai 15.000 euro.

Un piccolo prestito veloce per autonomi funziona come qualsiasi tipo di prestito. Ti lasciano i soldi e tu devi restituirli in rate normalmente mensili. Oltre ai soldi che ti sono stati prestati, dovrai pagare gli interessi. In alcuni casi dovrai anche pagare delle commissioni.

Requisiti

  • Dovrai presentare un documento di reddito. Normalmente ti chiederanno il Modello Unico. È importante poter soddisfare questo requisito per snellire la procedura e dare maggiore fiducia all’istituto finanziario. Ciò significa che come requisito essenziale, la tua attività autonoma dovrà essere di una certa antichità. Ma questa non è una legge perché esistono anche piccoli prestiti veloci per i lavoratori autonomi che hanno appena iniziato la loro attività.
  • Migliore è la tua storia finanziaria, più facile sarà ottenere il prestito. Otterrai anche condizioni migliori perché il creditore avrà fiducia che restituirai i soldi entro il periodo concordato. Tuttavia, sempre più società finanziarie concedono piccoli prestiti veloci ai lavoratori autonomi debitori,  ai considerati cattivi pagatori o a quelli con una brutta storia finanziaria. Ovviamente in questi casi i tassi di interesse aumenteranno perché la fiducia che non puoi offrire viene pagata.
  • Se hai debiti insoluti o sei rimasto indietro nei pagamenti di altri prestiti, dovrai dare una garanzia in più al prestatore in modo che si fidi di te e ti prestino i soldi. In queste occasioni, avere un bene come garanzia o una persona come garante ti risolverà il problema. Ma se devi utilizzare questa opzione, ti consiglio di effettuare i pagamenti delle rate in tempo. In caso contrario tu o il tuo garante potreste perdere i vostri beni.

Documentazione che dovrai presentare

Trattandosi di prestiti veloci, per velocizzare la procedura, la documentazione che dovrai presentare sarà davvero poca. Un’altra caratteristica che fa arrivare i soldi velocemente è che si tratta di piccole quantità. Più soldi richiedi, più documentazione l’istituto di credito dovrà controllare, allungando così i tempi di attesa.

Documentazione abituale:

  • Un documento d’identità valido.
  • Il codice fiscale e/o la tessera sanitaria.
  • Il certificato di residenza in Italia.
  • L’estratto conto recente o una bolletta della tua utenza recente.
  • Un documento di reddito. Normalmente deve mostrare la cifra dei guadagni annui. Migliore è il tuo reddito dimostrabile, più facile sarà ottenere il prestito.

Documentazione extra:

A volte ti potrebbe essere chiesto di presentare anche i seguenti documenti:

  • Stato di famiglia.
  • Per i prestiti più grandi potrebbero chiederti documentazione di reddito aggiuntiva. Solitamente quella relativa agli ultimi 3 anni.
  • Firma di un garante.

Vantaggi di richiedere un piccolo prestito veloce per autonomi

  • Comodo.
  • Veloce.
  • Adatto alle tue esigenze.

Dove andare?

Sono molte le banche e gli istituti finanziari e creditizi che offrono questo tipo di prodotto. Come ho già detto, ce ne sono sempre di più.

Quindi, per evitare di perdersi nell’immensità delle offerte esistenti, di seguito ti consiglio alcune opzioni:

  • Unicredit: Ottieni 10.000 euro in 48 ore. Offre diverse opzioni di finanziamento.
  • Findomestic: Richiede fino a 60.000 euro da restituire in 96 rate mensili.
  • Compass: Da 15.000 a 50.000 euro che dovrai restituir in 84 mesi al più tardi.
  • Agos: Da 500 a 30.000 euro che dovrai restituire in rate mensili. Da 12 a 120 rate.